Siti

Il Mutuo

Fare Richiesta di Mutuo

Scelte importanti che vanno di pari passo con acquisti importanti sono quelle a cui dedichiamo un po' di spazio per parlare più nel dettaglio dei mutui. Il mutuo, infatti, è la forma di finanziamento più diffusa attualmente e del resto non a caso il panorama finanziario si è notevolmente arricchito in materia con proposte diversificate a seconda delle esigenze e delle categorie sociali, un'offerta ricca che è bene conoscere al meglio per poter decidere al meglio. Iniziamo prima di tutto con il precisare che il mutuo fondiario quello cui si ricorre per l'acquisto di un immobile, sia esso prima o seconda casa, è di gran lunga la tipologia di mutuo più richiesto, seguito di pari passo dai 'mutui ristrutturazione' ovvero quelli  richiesti per eseguire lavori di ristrutturazione su di un immobile sia esso prima o seconda casa. Il mutuo è di norma ipotecario ovvero richiede a copertura della somma richiesta l'iscrizione di un ipoteca su un immobile, immobile che in caso di inadempienza da parte della parte mutuataria diventa di proprietà dell'istituto di credito che ha erogato il finanziamento.

Ma vediamo più in  dettaglio l'iter da seguire per richiedere un mutuo.

All'atto della richiesta, l'istituto di credito avvia la cosiddetta fase di istruttoria, ovvero una fase nel corso della quale vengono richiesti documenti personali e finanziari che descrivono la situazione del cliente. Vi verrà chiesto di presentare diverse tipologie di documenti, i documenti sulla persona:un documento d'identità valido, con annesso permesso di soggiorno qualora sia necessario,il codice fiscale, lo stato di famiglia, lo stato civile.

Documenti attestanti il reddito, per i lavoratori dipendenti, le ultime tre buste paga e l'ultimo CUD; per i lavoratori autonomi, le ultime dichiarazioni dei redditi e l'iscrizione alla camera di commercio o partita IVA, che occorrono per datare l'inizio dell'attività lavorativa; ultimi due estratti conto bancari.

In caso di acquisto di un immobile la documentazione relativa alla casa che vi apprestate a comprare: la proposta d'acquisto o preliminare di vendita dell'immobile; mappa catastale dell'immobile, per gli immobili di nuova costruzione la concessione edilizia.

L'istituto di credito al quale vi sarete rivolti in questa fase raccoglierà su di voi dal SIC, Sistemi di informazioni Creditizie, le informazioni relative alla vostra affidabilità creditizia.

Come abbiamo detto i mutui richiedono l'accensione di un ipoteca su un immobile che copre l'importo da voi richiesto. Quindi dovrete presentare una perizia sull'immobile che intendete dare in garanzia con l'ipoteca , perizia che ne stabilirà il valore e la presenza di tutti i requisiti stabiliti dalla legge perché l'immobile possa essere  dato in garanzia. A tal proposito vi ricordiamo che immobili già gravati da altre ipoteche o che non possiedono l'abitabilità e la concessione edilizia non possono essere in alcun modo utilizzati come beni ipotecabili. Per gli immobili oggetto di condono edilizio è indispensabile che la pratica sia ufficialmente conclusa, dunque non è sufficiente che sia in corso; possono inoltre presentare non poche difficoltà gli immobili ricevuti in donazione e quelli con vincoli posti dal Ministero dei Beni culturali.

Esaminata tutta la documentazione con la chiusura della fase  istruttoria la banca darà o negherà il proprio consenso alla vostra richiesta di mutuo.

Sebbene abbiate ricevuto una risposta certa dalla Banca è importante ricordare che la vostra richiesta è irreversibile sono con l'Atto di mutuo, ovvero il momento ufficiale di stipula del mutuo che corrisponde al momento dell'erogazione materiale del prestito richiesto; di norma l'atto di mutuo nel caso dell'acquisto di un immobile è contemporaneo al rogito, ovvero alla compravendita dell'immobile stesso. La possibilità di fare richiesta di mutuo è data a tutti i cittadini Italiani e agli stranieri stabilmente Residenti in Italia che abbiano compiuto la maggiore età e non abbiano ancora raggiunto l'età pensionabile.